• Mainimages1
  • Mainimages2
  • Mainimages3
  • Mainimages4
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4

  Revoca di 4 edizioni di corsi di formazione a EUROFORM

Con decreto n. 259 del 2 marzo 2017, è stato revocato all’organismo formativo accreditato EUROFORM il riconoscimento di 4 edizioni di corsi di Prima Formazione per OSS (Operatore Socio-Sanitario).

Il provvedimento è consultabile all’albo pretorio on-line di ALFA.

 

  L’Operatore socio sanitario svolge attività indirizzata a soddisfare i bisogni primari della persona, nell’ambito delle proprie aree di competenza, in un contesto sia sociale che sanitario, ed a favorire il benessere e l’autonomia dell’utente.

A livello nazionale l’Accordo della Conferenza Stato-Regioni nella seduta del 22 febbraio 2001 tra il Ministro della Sanità, il Ministro della Solidarietà Sociale, le Regioni e le Province autonome di Trento e Bolzano ha regolamentato il profilo professionale dell’Operatore Socio Sanitario (OSS).

La Regione Liguria con d.G.R. n. 638 del 13 giugno 2008 ha approvato il programma didattico e le modalità attuative dei corsi per Operatori Socio Sanitari. La normativa in merito è stata successivamente integrata con d.G.R. n.123/2010 e d.G.R. n.127/2015.

 

  Consulta il seguente elenco per conoscere i corsi OSS riconosciuti approvati da Arsel Liguria, oggi ALFA :

 

   Elenco corsi OSS riconosciuti aggiornato al 06/06/2017     (pdf - 43 Kb)

  

  Normativa di riferimento:

 D.G.R. n. 638 del 13 giugno 2008 “Approvazione piano attività “programmazione corsi di prima formazione e riqualificazione per operatori sanitari” (pdf - 16 Kb)

 D.G.R. n. 638 - allegato A) (pdf - 24 Kb)

 D.G.R. n. 638 - allegato B) (pdf - 78 Kb)

 D.G.R. n. 123 del 5/2/2010 “Approvazione indirizzi operativi finalizzati alla realizzazione di interventi di riqualificazione per operatori socio - sanitari” (pdf - 1 Mb)

 D.G.R. n. 127 del 13/02/2015 “Applicazione d.G.R. 820/2014 e 1813/2014. Indirizzi operativi per le attività di formazione, qualificazione e riqualificazione degli operatorio socio sanitari impiegati nelle strutture sanitarie e socio sanitarie liguri” (pdf - 790 Kb)

 

Commissione per il riconoscimento di crediti formativi agli iscritti ai corsi per O.S.S.

È possibile prevedere il riconoscimento di eventuali crediti formativi per ridurre la durata del percorso formativo.
Qualora il soggetto interessato fosse in possesso di particolari attestati di frequenza può presentare all’ente formativo presso il quale intende svolgere il corso, gli attestati di frequenza posseduti finalizzati al riconoscimento. In analogia a quanto previsto per il possesso dei requisiti di accesso al corso, i titoli per i quali viene richiesta valutazione ai fini dell’ottenimento di un credito formativo dovranno essere certificati nei modi previsti dalla legge.

L’ente formativo che accetti dichiarazioni sostitutive di certificazione è tenuto ai sensi dell’art. 71 del D.P.R. 445/2000 al controllo delle stesse. I controlli devono essere effettuati con le modalità di cui all'articolo 43 del predetto D.P.R. consultando direttamente gli archivi dell'amministrazione certificante ovvero richiedendo alla medesima, anche attraverso strumenti informatici o telematici, conferma scritta della corrispondenza di quanto dichiarato con le risultanze dei registri da questa custoditi. Tali controlli dovranno avvenire su tutte le dichiarazioni.

I titoli di studio stranieri, poiché contengono informazioni non verificabili presso i registri della pubblica amministrazione italiana, dovranno essere prodotti sempre con dichiarazione di valore. Nell’ambito del riconoscimento dei suddetti crediti, per i titoli comunitari può essere sufficiente la traduzione asseverata purché consenta alla Commissione di esprimere il giudizio sulle competenze acquisite.

L’ente formativo invia la documentazione presentata dal soggetto interessato tramite pec alla sede territoriale di ALFA competente, che a sua volte trasmette alla Commissione per il riconoscimento di crediti formativi agli iscritti ai corsi per Operatori Socio-Sanitari (O.S.S.), ai sensi della D.G.R. 123/2010 , per la prima seduta di valutazione utile.